HOME  
   NEWS  
   QUOTAZIONI  

Sono in aumento i mutui prima casa e riduzione delle surroghe

I Mutui nel primo trimestre del 2016 le famiglie e i privati hanno avuto condizioni estremamente favorevoli per la sottoscrizione di un nuovo finanziamento casa: ciò è stato provocato dall'incontro di tassi di riferimento ai minimi storici con aggressive politiche commerciali messe in atto dai principali istituti di credito italiani.

Di conseguenza si applicano a un mutuo ventennale di 200 mila euro o di 120 mila euro uno spread del 1,5% per un finanziamento a tasso variabile e del 1,2% per uno a tasso fisso. I dati sono stati confermati anche dal gran numero di mutui erogati per l'acquisto della prima o della seconda casa rispetto al totale dei finanziamenti online concessi: facendo un confronto con l'ultimo trimestre del 2015 si vede come la percentuale sia cresciuta costantemente, passando dal 28% sul totale delle nuove erogazioni al 35%.

La crescita è stata favorita anche dalla progressiva riduzione dei potenziali mutuatari interessati effettuare una surroga del proprio mutuo: infatti questa opzione è già stata scelta per vari trimestri dalle famiglie, tanto che nel 2015 le surroghe sono state quasi un quarto di tutti i mutui (oltre il 60%). Data la tendenza attuale si può pronosticare come le stipule e le richieste di mutui che hanno la surroga come loro finalità diminuiranno gradualmente di numero fino a tornare al livello di qualche anno fa, quando rappresentavano soltanto una parte davvero minima di tutte le erogazioni concesse. Infatti il loro livello fisiologico naturale si attesta stabilmente al di sotto del 10%.

Una volta che la riduzione progressiva del bacino di potenziali mutui con finalità surroga avrà preso piede si potrà misurare finalmente quale sia il grado reale dell'apertura del credito bancario. Infatti lo straordinario aumento registrato sia per quanto riguarda le richieste dei mutui che per le loro erogazioni è stato causato dall'enorme percentuale delle surroghe.

Queste operazioni, tuttavia, non alimentano il mercato del credito o quelle delle compravendite immobiliari perchè la loro concessione prevede sempre l'estinzione del finanziamento a cui la surroga va a sostituirsi. Allo stesso tempo l'andamento delle quotazioni del mercato immobiliare residenziale fa ben sperare per quanto riguarda la ripresa della richiesta di mutui per l'acquisto della prima o della seconda casa. Infatti i prezzi bassi invogliano a comprare e rendono accessibili per un più grande numero di utenti sia i finanziamenti che gli immobili.

Ad esempio si rileva come il primo trimestre 2016 abbia registrato una nuova, ulteriore riduzione dei prezzi degli immobili residenziali, che sono passati da -3,2% nell'ultimo trimestre del 2015 all'attuale -3,6%. Si tratta di una flessione consistente, in linea, però, con la tendenza del mercato immobiliare al ribasso degli ultimi anni. Si capisce quindi come nel primo trimestre del 2016 la richiesta per l'erogazione di mutui da parte delle famiglia sia aumenta del 31% su base annua.
Questa notizia è stata letta 663 volte
Bookmark and Share
Finanziamenti on line non è collegato ad alcuna finanziaria sul sito ed non eroga finanziamenti o servizi simili. Il sito offre un semplice servizio gratuito di consultazione
 Informativa sulla privacy - cookiee-media snc p.iva 01883190561